Tag

, , , , , , , , ,

Mantova non è di solito associata all’oscurità se non a quella temporanea della nebbia (e non ci sono più le nebbie di una volta) a differenza della leggenda nera di Torino. Eppure anche da noi possiamo individuare dei luoghi oscuri vuoi per le leggende cui sono associati, vuoi per le storie di prigioni o alchimia, vuoi per il loro essere legati al Sacco di Mantova. Basta poco quindi per ritrovarsi in una Mantova oscura e per viaggiare con la fantasia provando ad immaginare storie, personaggi e vicende di una città che non esiste più o che forse non è mai esistita. Eccovi allora un itinerario in 5 passi alla scoperta della Mantova oscura.
Si ringrazia per il suggerimento di questa cinquina Massimiliano Boschini.

Palazzo del Diavolo – era il palazzo dell’umanista Paride Ceresara vissuto ai tempi di Federico II Gonzaga. Scrivo era perché l’edificio si trovava in corso Vittorio Emanuele dove oggi ha sede la Fondazione della Banca Agricola Mantovana – Monte dei Paschi. Fu demolito e poi ricostruito nelle forme attuali ma lasciando la leggenda nera che lo accompagnava che voleva che il diavolo, grazie ad un patto con Ceresara, lo edificasse in una sola notte. La storia era talmente nota che anche la guida turistica che accompagnò Charles Dickens durante il suo soggiorno mantovano la raccontò allo scrittore inglese privilegiandola rispetto a quella di Palazzo ducale.

Casa del Boia – è una casa che la tradizione popolare ha sempre chiamato del Boia e la si intravede nell’area di San Nicolò che sbuca dai muri tra la vegetazione infestante. In realtà è difficile che un carnefice abbia mai abitato in quell’edificio. La casa faceva parte dell’area portuale e di quegli edifici di servitù militare che si potevano trovare ovunque in giro per la città soprattutto dopo che l’Austria trasformò Mantova in una delle roccaforti del quadrilatero. Ma le leggende e le tradizioni sono più forti della storia reale e anche oggi a chi si chieda della casa del boia si illuminano gli occhi per la possibilità di raccontare vicende truculente per far colpo sul turista o sul viaggiatore.

L’Alchimia e la Rustica a Palazzo ducale – anche il duca Vincenzo I Gonzaga aveva sicuramente un suo alchimista. Magari quel frate Zenobio Bocchi che progettò il Giardino dei Semplici che si trova proprio sul retro della Domus Nova nei pressi di Piazza Paradiso. Non dimentichiamo che Vincenzo era un grande amico dell’imperatore Rodolfo II, quello che a Praga aveva riservato una via agli alchimisti per la sua ricerca della pietra filosofale e del modo di trasformare la materia in oro. Ebbene di recente è stato restaurato uno spazio nella parte a pian terreno della Rustica che si pensa fosse dedicato proprio alla ricerca alchemica. Ecco allora un luogo oscuro dedicato com’era alla ricerca di pozioni e intrugli realizzati sfruttando i semplici (ovvero le erbe officinali del vicino giardino).

Carceri del Castello di San Giorgio – Le carceri del Castello di San Giorgio appartengono a due livelli e a due epoche diverse. Le prigioni gonzaghesche sono come i pozzi di Venezia: poste al livello del fossato del castello erano umide, insalubri e sicuramente temibili per qualsiasi prigioniero. Quando i Gonzaga lasciano spazio agli austriaci invece si ha un capovolgimento di posizione. Il carcere che accolse anche i Martiri di Belfiore fu ricavato infatti all’ultimo piano del castello come i piombi a Venezia. Se qui il clima era almeno meno umido sicuramente il caldo era notevole e soprattutto la presenza di una stanza della bastonatura dimostra che non si trattava di una carcerazione per il recupero del prigioniero. Quale luogo allora più oscuro di questo se pensiamo alle torture gonzaghesche o alle punizioni corporali austriache.

Vòlto oscuro – è uno dei luoghi meno conosciuti di Palazzo ducale eppure si trova proprio al centro della Reggia gonzaghesca. Si tratta del passaggio che separa il cosiddetto corridoio del Bertani (posto sul lato destro di piazza Castello guardando l’esedra) e la Basilica di palatina di Santa Barbara. L’ingresso era posto sul lato verso il lago e si apre proprio di fianco al fossato del castello di San Giorgio in quello che era il baluardo di San Nicolò. L’uscita invece è proprio su piazza Santa Barbara, decorato da un voltone simmetrico a quello posto sotto il campanile della chiesa, e chiuso da un cancello (a breve sembra che sarà riaperto e speriamo davvero che lo sia). A chi guarda appare un passaggio aereo che collega il Palazzo ducale alla basilica e sullo sfondo i finestroni della sala di Manto. Perché si chiama Vòlto oscuro? Perché da qui passarono i Lanzichenecchi che misero a ferro e fuoco Mantova durante il famoso sacco. Allora basta mettersi qui, chiudere gli occhi e far viaggiare l’immaginazione per sentire le urla, le grida e il cozzare di armature di quell’esercito che pose fine alla gloria di una famiglia e di una città tra le più importanti d’Italia.

 

Giacomo Cecchin

SUL TEMA DELLE 5 COSE POTETE ANCHE LEGGERE SU QUESTO BLOG:

  1. Nel giorno di San Lorenzo 5 anni fondamentali per la Rotonda
  2. 5 commenti su Mantova che non trovate su Trip Advisor
  3. 5 ramarri o salamandre a Palazzo Te tra soffitti, camini e affreschi
  4. 5 luoghi “finanziari” da riscoprire a Mantova tra Ghetto, Rotonda e credito (la city della Manhattan padana)
  5. 5 balconi angolari in una Mantova da osservare con gli occhi all’insù
  6. 5 porte che chiudevano Palazzo ducale tra Lanzichenecchi, Teatri e Giardini
  7. 5 gatti o particolari felini a Mantova tra egizi, quadri e palazzi
  8. 5 cani da osservare nella Camera degli Sposi
  9. 5 facciate da osservare a Mantova tra cani, diamanti e candelabri
  10. 5 autobus da prendere a Mantova tra profili, contrasti e storie da non perdere
  11. 5 storie di musica e musicisti legate a Mantova per ascoltare, sognare e scoprire
  12. 5 luoghi di Palazzo Ducale per ascendere al Paradiso
  13. 5 chiese mantovane dedicate a Maria tra santuari, coccodrilli e miracoli vari
  14. 5 modi di riscoprire Mantova al Louvre tra Mantegna, Giulio Romano e Caravaggio
  15. 5 nomi di vie o piazze legate al lavoro tra gioielli, pescivendoli e lattonai
  16. 5 luoghi a Mantova dove raccontare storie d’amore, non sempre a lieto fine
  17. 5 libri da leggere dopo essere stati a Mantova tra guide artistiche, rosse e definitive
  18. 5 immagini di San Longino tra cavalieri, basiliche e cappelle private
  19. 5 esempi di indigestione urbana tra chiese, palazzi e vicoli
  20. 5 libri da leggere prima di venire a Mantova tra mondo piccolo, matrimoni e segreti di stato
  21. 5 balconi da cui osservare Mantova tra grate, giardini e mercati
  22. 5 papi a Mantova tra Sangue di Cristo, crociate e san Luigi Gonzaga
  23. 5 stranezze da non perdere a Palazzo ducale tra nani, arazzi e giardini pensili
  24. 5 palazzi con panchine incorporate tra vescovi, alberghi e marchesi
  25. 5 storie d’amore a San Valentino tra Gonzaga, Shakespeare e Rigoletto
  26. 5 case mantovane tra mercanti, architetti e pittori per non parlar di santi ed eretici
  27. 5 domande da non fare ad una guida mantovana tra Gonzaga, reliquie e geografia
  28. 5 palazzi con i merli ciechi tra Luca Fancelli, podestà e massari
  29. 5 poeti passati per Mantova tra cavalieri, crociate e fiabe
  30. 5 musei particolari tra monete, armature e giardini segreti
  31. 5 cinema ancora attivi a Mantova tra multisale, cinema d’essai e gallerie scomparse
  32. 5 fumetti dove si cita Mantova tra Topolino, Shakespeare e la Pimpa
  33. 5 spettri da cercare in giro per la città tra esecuzioni, duelli e frecce avvelenate
  34. 5 cose da fare a Mantova in una notte nebbiosa tra fantasmi, pozzi e conventi scomparsi
  35. 5 campanili medievali tra conventi, condominii e lievi pendenze
  36. 5 particolari da non perdere nella Camera degli Sposi tra mele, scritte e un indice isolato
  37. 5 carceri storiche a Mantova tra Gonzaga, Austriaci e conventi
  38. 5 piccoli sagrati tra Spoon river, gesuiti e Napoleone
  39. 5 luoghi “naneschi” a Palazzo ducale tra scale sante, camera degli sposi e cavalieri
  40. 5 luoghi di spettacolo dove si faceva cinema e che non ci sono più
  41. 5 santi da festeggiare a Mantova tra porcellini, mantelli e martirii
  42. 5 reliquie della passione tra sangue, spugna e pietra dell’unzione
  43. 5 donne gonzaghesche da ricordare tra esecuzioni, testamenti mancati e matrimoni non riusciti
  44. 5 luoghi dove si fa cinema, musica o teatro nella capitale dello spettacolo
  45. 5 fontane mantovane da assaporare tra piazze, giardini e nasi
  46. 5 opere d’arte rubate da Napoleone tra Mantegna, Giulio Romano, Veronese e Rubens
  47. 5 porti della città vecchia tra ponti, catene e torri
  48. 5 luoghi del libro vissuto tra bancarelle, libracci e biblioteche
  49. 5 capitelli da osservare tra Gonzaga, Bonacolsi, Visconti e damnatio memoriae
  50. Altri 5 film mantovani tra Shakespeare, Verdi e nudi integrali
  51. 5 film girati a Mantova tra portaborse, condottieri e una storia personale
  52. 5 tappe per un pellegrinaggio alle Grazie tra domenicani, francescani e miracoli lacustri
  53. 5 luoghi napoleonici a Mantova tra santi, fortezze e appartamenti imperi
  54. nella notte di San Lorenzo 5 zodiaci mantovani da non perdere
  55. 5 altre biblioteche mantovane tra musica, enciclopedie e opere d’arte
  56. 5 luoghi incantati tra libri, lettere e documenti
  57. Altri 5 passaggi segreti urbani tra sacri vasi, lavandaie e Charles Dickens
  58. 5 Gonzaga da non dimenticare tra colpi di stato, cardinali e prove di virilità
  59. 5 animali gonzagheschi a Palazzo Te tra stemmi, imprese e camini
  60. 5 particolari lascivi da cercare a Palazzo Te tra selfie, cigni e lato B
  61. 5 ulteriori passaggi segreti urbani tra mura, ferrovie e giardini
  62. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  63. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  64. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  65. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  66. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  67. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  68. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  69. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  70. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  71. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  72. 5 escursioni fuori porta
  73. 5 laghi a Mantova
  74. 5 statue di Virgilio
  75. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  76. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  77. 5 piazze create dal caso
  78. 5 ponti sul Rio
  79. 5 cavalcavia da osservare
  80. 5 salite mozzafiato
  81. 5 scorciatoie da scoprire
  82. 5 piazze da incorniciare
  83. 5 posti del cuore

Salva

Salva

Annunci