E’ la chiesa più amata dai mantovani e più frequentata dai turisti che spesso la scambiano per un battistero. La Rotonda di San Lorenzo è un meteorite romanico al centro di Mantova, città che invece vive più di gotico e rinascimento. La storia millenaria di questa chiesa è legata in particolar modo a Matilde di Canossa che, secondo la tradizione, ne volle la costruzione nelle forme del Santo Sepolcro di Gerusalemme per sciogliere un voto fatto dal padre Bonifacio e non realizzato a causa della sua morte improvvisa. Eppure in questi 934 anni dalla sua costruzione possiamo individuare almeno 5 date fondamentali per ripercorrerne le vicende.

312 – è la data riportata sul marmo che fa da architrave al portale che si trova di fronte alla scalinata e si apre sul piccolo sagrato che un tempo ospitava il piccolo cimitero della chiesa (ricordato dalla lapide con la scritta PAX). La data ricorda probabilmente la dedicazione di una chiesa a San Lorenzo, martirizzato proprio il 10 di agosto del 258, proprio in questo luogo e costruita secondo la tradizione su un sito occupato da un tempio pagano. Dell’epoca romana resterebbero a perenne ricordo le due colonne in pietra poste di fronte alla piccola abside che contiene l’altare. Forse questa era la chiesa più antica di Mantova considerando che nel 312 i cristiani sono ancora perseguitati (solo un anno dopo, nel 313, l’editto di Costantino consentirà di praticare liberamente il cristianesimo all’interno dell’impero).

1083 – la tradizione fa risalire a quest’anno l’edificazione della Rotonda di San Lorenzo per volere di Matilde di Canossa. La data è incisa sull’architrave dell’ingresso principale della Rotonda, quello in asse con l’abside e oggi inutilizzato per l’innalzamento del livello stradale). Matilde ha 35 anni e solo 6 anni prima aveva raggiunto il suo massimo successo politico con il perdono di Canossa che aveva visto la pacificazione tra il papa Gregorio VII e l’imperatore Entico IV nel castello sui colli reggiani. Secondo alcuni studiosi la Rotonda avrebbe potuto essere la cappella palatina di Matilde al fianco del suo palazzo (collocato forse nello spazio dell’attuale Palazzo della Ragione) ripetendo la struttura che si trova ad Aquisgrana, la capitale dell’impero di Carlo Magno. All’interno della Rotonda rimangono lacerti di affreschi, alcune formelle in terracotta e particolari in pietra provenienti da altre costruzioni. Da non perdere la salita al matroneo da una delle due scale ricavate nello spessore dei muri perimetrali.

1580 – è un anno fondamentale per la Rotonda perché il duca Guglielmo ne dispone la chiusura adducendo come causa il rumore proveniente dal vicino mercato di Piazza Erbe che avrebbe disturbato la celebrazione della messa. In realtà non abbiamo certezze sulla motivazione della soppressione anche se in effetti durante una visita pastorale al tempo del cardinale Ercole Gonzaga si scrive nella relazione al vescovo che il prete di San Lorenzo teneva cucina e dormiva nel matroneo. Nonostante la chiusura della Rotonda che sarà inglobata successivamente nelle case del ghetto ebraico resterà il ricordo di San Lorenzo, tanto che la parrocchia del centro città comprendente anche la Basilica di S.Andrea manterrà la dedicazione al santo della graticola.

1906 – e’ l’anno in cui il comune di Mantova autorizza la costruzione di una strada che colleghi piazza Erbe a Porto Catena. Per questo si iniziano a demolire le case che chiudevano la piazza del mercato collegando la Torre dell’Orologio alle case sull’altro lato. E’ ancora oggi impressionante vedere le foto senza la Rotonda con l’insegna di un macellaio e una piccola croce in alto sopra le case (forse ancora quella che si vede oggi sulla piccola lanterna della chiesa). Durante le demolizioni si vedono le fondazioni, i muri e le colonne della Rotonda e si decide di ricostruirla prendendo a modello quella di Almenno San Salvatore in provincia di Bergamo. Nel 1911 i lavori sono praticamente completati ma sta arrivando la prima guerra mondiale e tutto si blocca.

1926 – è l’anno della consacrazione della Rotonda che viene affidata ai terziari domenicani il cui cappellano Padre Celestino Battaglia la ottiene dal soprintendente Clinio Cottafavi. E’ la provvidenza dicono i credenti, è un colpo di fortuna direbbero gli altri che la Rotonda ci sia ancora. Infatti dopo la fine della guerra e il termine dei lavori l’intendenza di finanza proprietaria del terreno su cui sorge la chiesa cerca una parrocchia cui affidarla ma nessuna accetta spaventata dalle spese. E’ una situazione di stallo della quale tenta di approfittare la famiglia Gallico che ha appena terminato di edificare il palazzo che tutt’ora si trova dietro la Rotonda. Se infatti si ottenesse il permesso di demolire la chiesa, gli appartamenti del palazzo aumenterebbero il loro valore perché avrebbero come vista la piazza e la basilica di S.Andrea. Ma tutto si ferma proprio per l’intervento di padre Battaglia e la Rotonda è ancora lì ad accogliere chiunque voglia entrarvi.

Giacomo Cecchin

SUL TEMA DELLE 5 COSE POTETE ANCHE LEGGERE SU QUESTO BLOG:

  1. 5 commenti su Mantova che non trovate su Trip Advisor
  2. 5 ramarri o salamandre a Palazzo Te tra soffitti, camini e affreschi
  3. 5 luoghi “finanziari” da riscoprire a Mantova tra Ghetto, Rotonda e credito (la city della Manhattan padana)
  4. 5 balconi angolari in una Mantova da osservare con gli occhi all’insù
  5. 5 porte che chiudevano Palazzo ducale tra Lanzichenecchi, Teatri e Giardini
  6. 5 gatti o particolari felini a Mantova tra egizi, quadri e palazzi
  7. 5 cani da osservare nella Camera degli Sposi
  8. 5 facciate da osservare a Mantova tra cani, diamanti e candelabri
  9. 5 autobus da prendere a Mantova tra profili, contrasti e storie da non perdere
  10. 5 storie di musica e musicisti legate a Mantova per ascoltare, sognare e scoprire
  11. 5 luoghi di Palazzo Ducale per ascendere al Paradiso
  12. 5 chiese mantovane dedicate a Maria tra santuari, coccodrilli e miracoli vari
  13. 5 modi di riscoprire Mantova al Louvre tra Mantegna, Giulio Romano e Caravaggio
  14. 5 nomi di vie o piazze legate al lavoro tra gioielli, pescivendoli e lattonai
  15. 5 luoghi a Mantova dove raccontare storie d’amore, non sempre a lieto fine
  16. 5 libri da leggere dopo essere stati a Mantova tra guide artistiche, rosse e definitive
  17. 5 immagini di San Longino tra cavalieri, basiliche e cappelle private
  18. 5 esempi di indigestione urbana tra chiese, palazzi e vicoli
  19. 5 libri da leggere prima di venire a Mantova tra mondo piccolo, matrimoni e segreti di stato
  20. 5 balconi da cui osservare Mantova tra grate, giardini e mercati
  21. 5 papi a Mantova tra Sangue di Cristo, crociate e san Luigi Gonzaga
  22. 5 stranezze da non perdere a Palazzo ducale tra nani, arazzi e giardini pensili
  23. 5 palazzi con panchine incorporate tra vescovi, alberghi e marchesi
  24. 5 storie d’amore a San Valentino tra Gonzaga, Shakespeare e Rigoletto
  25. 5 case mantovane tra mercanti, architetti e pittori per non parlar di santi ed eretici
  26. 5 domande da non fare ad una guida mantovana tra Gonzaga, reliquie e geografia
  27. 5 palazzi con i merli ciechi tra Luca Fancelli, podestà e massari
  28. 5 poeti passati per Mantova tra cavalieri, crociate e fiabe
  29. 5 musei particolari tra monete, armature e giardini segreti
  30. 5 cinema ancora attivi a Mantova tra multisale, cinema d’essai e gallerie scomparse
  31. 5 fumetti dove si cita Mantova tra Topolino, Shakespeare e la Pimpa
  32. 5 spettri da cercare in giro per la città tra esecuzioni, duelli e frecce avvelenate
  33. 5 cose da fare a Mantova in una notte nebbiosa tra fantasmi, pozzi e conventi scomparsi
  34. 5 campanili medievali tra conventi, condominii e lievi pendenze
  35. 5 particolari da non perdere nella Camera degli Sposi tra mele, scritte e un indice isolato
  36. 5 carceri storiche a Mantova tra Gonzaga, Austriaci e conventi
  37. 5 piccoli sagrati tra Spoon river, gesuiti e Napoleone
  38. 5 luoghi “naneschi” a Palazzo ducale tra scale sante, camera degli sposi e cavalieri
  39. 5 luoghi di spettacolo dove si faceva cinema e che non ci sono più
  40. 5 santi da festeggiare a Mantova tra porcellini, mantelli e martirii
  41. 5 reliquie della passione tra sangue, spugna e pietra dell’unzione
  42. 5 donne gonzaghesche da ricordare tra esecuzioni, testamenti mancati e matrimoni non riusciti
  43. 5 luoghi dove si fa cinema, musica o teatro nella capitale dello spettacolo
  44. 5 fontane mantovane da assaporare tra piazze, giardini e nasi
  45. 5 opere d’arte rubate da Napoleone tra Mantegna, Giulio Romano, Veronese e Rubens
  46. 5 porti della città vecchia tra ponti, catene e torri
  47. 5 luoghi del libro vissuto tra bancarelle, libracci e biblioteche
  48. 5 capitelli da osservare tra Gonzaga, Bonacolsi, Visconti e damnatio memoriae
  49. Altri 5 film mantovani tra Shakespeare, Verdi e nudi integrali
  50. 5 film girati a Mantova tra portaborse, condottieri e una storia personale
  51. 5 tappe per un pellegrinaggio alle Grazie tra domenicani, francescani e miracoli lacustri
  52. 5 luoghi napoleonici a Mantova tra santi, fortezze e appartamenti imperi
  53. nella notte di San Lorenzo 5 zodiaci mantovani da non perdere
  54. 5 altre biblioteche mantovane tra musica, enciclopedie e opere d’arte
  55. 5 luoghi incantati tra libri, lettere e documenti
  56. Altri 5 passaggi segreti urbani tra sacri vasi, lavandaie e Charles Dickens
  57. 5 Gonzaga da non dimenticare tra colpi di stato, cardinali e prove di virilità
  58. 5 animali gonzagheschi a Palazzo Te tra stemmi, imprese e camini
  59. 5 particolari lascivi da cercare a Palazzo Te tra selfie, cigni e lato B
  60. 5 ulteriori passaggi segreti urbani tra mura, ferrovie e giardini
  61. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  62. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  63. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  64. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  65. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  66. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  67. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  68. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  69. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  70. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  71. 5 escursioni fuori porta
  72. 5 laghi a Mantova
  73. 5 statue di Virgilio
  74. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  75. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  76. 5 piazze create dal caso
  77. 5 ponti sul Rio
  78. 5 cavalcavia da osservare
  79. 5 salite mozzafiato
  80. 5 scorciatoie da scoprire
  81. 5 piazze da incorniciare
  82. 5 posti del cuore
Annunci