Mantova non ha mai goduto di commenti molto positivi da parte dei viaggiatori o di chi vi ha soggiornato. O meglio si va da quelli entusiastici come nel caso di Torquato Tasso o a quelli tombali come per Benvenuto Cellini o Charles Dickens. In effetti il clima non è dei migliori e nei tempi andati era facilissimo prendere la febbre terzana o quartana come capitò anche a Carlo Goldoni o altre malattie dovute, come nel caso di Casanova, a frequentazioni allegre e poco sicure. Certo se fosse già esistito Trip Advisor alcuni di questi commenti non avrebbero deposto a favore di Mantova ma sarebbero sicuramente stati controbilanciati dagli altri. Sarebbe interessante che ogni autore sbarcato a Festivaletteratura in queste 20 edizioni ci avesse lasciato la sua opinione sulla città: avrebbe fatto la felicità dei turisti e di chi scrive guide letterarie. Eccovi allora 5 commenti su Mantova che non troverete su Trip Advisor.

Francesco Petrarca – è nel 1350 che il poeta aretino passa per Mantova e lo sappiamo perché scrive proprio su un libro comprato nella nostra città la data (6 giugno 1350). Petrarca viene sulle rive del Mincio per cercare la presenza, che lui sente ancora viva, di Virgilio. Questa sua sosta nel paesaggio “bucolico” per eccellenza lo rende insensibile al pessimo clima estivo mantovano. In una lettera scritta infatti proprio in quel giugno del 1350, il poeta descrive una notte passata a Luzzara, allora nei domini gonzagheschi, in compagnia di rane, mosche e zanzare che non gli consentono di prendere sonno.

Benvenuto Cellini – l’artista fiorentino arriva a Mantova dopo il Sacco di Roma del 1527 e proprio nella nostra città lascia lascia la sua prima opera nota, il sigillo del cardinale Ercole Gonzaga. Benvenuto ha sangue caldo e mal sopporta il clima mantovano che gli porterà la febbre e lo farà straparlare inimicandosi per questo Federico II Gonzaga (che Cellini nella sua autobiografia chiama duca anche se lo diventerà solo nel 1530). Ecco cosa scrive Benvenuto Cellini “In questo mezzo, avendo io fatto reverenzia al Cardinale suo fratello, il detto Cardinale pregò il Duca, che fussi contento di lasciarmi fare il suggello pontificale di Sua Signoria reverendissima; il quale io cominciai. In mentre che questa tal opera io lavoravo, mi sopraprese la febbre quartana; la qual cosa, quando questa febbre mi pigliava, mi cavava de’ sentimenti; onde io maledivo Mantova e chi n’era padrone, e chi volentieri vi stava. Queste parole furono ridette al Duca da quel suo orefice milanese ditto, il quale benissimo vedeva che ‘l Duca si voleva servir di me. Sentendo il detto Duca quelle mie inferme parole, malamente meco s ‘adirò; onde, io essendo adirato con Mantova, della stizza fummo pari”.

Torquato Tasso – il poeta nato a Sorrento ma ferrarese d’adozione passa per Mantova dopo il 13 luglio 1586 quando fu liberato dall’Ospedale di S.Anna dove era rinchiuso per i sintomi di una pazzia che non accennava a calmarsi. Fu Vincenzo Gonzaga, allora erede al ducato di Mantova, a fare pressione sul duca Alfonso perché mettesse Torquato Tasso sotto la sua tutela. Non deve stupire pertanto che il poeta sia uno dei pochi che non si lamenta del clima mantovano e parla della nostra città come dell’ottava meraviglia del mondo. Questo infatti scrisse Torquato Tasso “”… questa è una bellissima città e degna c’un si mova mille miglia per vederla”. Naturalmente l’animo inquieto del poeta non gli impedì di lasciare Mantova dopo solo un anno per cercare tranquillità e gloria in altri lidi.

Charles Dickens – lo scrittore inglese viene a vivere in Italia perché con i suoi introiti si può consentire una vita più agiata rispetto a quella londinese. Charles Dickens passa per Mantova proveniente da Verona nel 1844 sulle tracce dell’esilio di Romeo. Nelle sue Pictures from Italy, diario del suo viaggio in Italia lo scrittore inglese parla in modo egregio di Verona mentre non usa parole gentili sulla nostra città. Dickens scrive della “Pleasant Verona!” e invece dei “rusty gates of the stagnant Mantua”. Quella in cui arriva l’inglese è una Mantova sotto la dominazione austriaca che non brilla per vivacità e neanche per le sue guide turistiche. Il cicerone che accompagnerà lo scrittore infatti non lo fa entrare a Palazzo ducale (poco interessante) mentre lo porta a Palazzo Te dove Dickens parla degli incubi di Giulio Romano all’interno del Camarone dei Giganti.

Aldous Huxley – ecco un altro inglese che però rimane incantato da Mantova. Aldous Huxley infatti la descrive come la più romantica città del mondo ed è particolarmente colpito dal suo profilo. Lo scritto infatti scriverà questo di Mantova “the most romantic city in the world; and with an Arabian nights skyline rising above its three encircling lakes”. Dopo una recensione così chi può resistere al fascino della nostra città. Il profilo da mille e una notte è rimasto identico e la scoperta degli amanti di Valdaro ha forse confermato che se non la più romantica del mondo forse Mantova è sicuramente quella dove si trovano gli amanti inseparabili da più tempo.

Giacomo Cecchin

SUL TEMA DELLE 5 COSE POTETE ANCHE LEGGERE SU QUESTO BLOG:

  1. 5 ramarri o salamandre a Palazzo Te tra soffitti, camini e affreschi
  2. 5 luoghi “finanziari” da riscoprire a Mantova tra Ghetto, Rotonda e credito (la city della Manhattan padana)
  3. 5 balconi angolari in una Mantova da osservare con gli occhi all’insù
  4. 5 porte che chiudevano Palazzo ducale tra Lanzichenecchi, Teatri e Giardini
  5. 5 gatti o particolari felini a Mantova tra egizi, quadri e palazzi
  6. 5 cani da osservare nella Camera degli Sposi
  7. 5 facciate da osservare a Mantova tra cani, diamanti e candelabri
  8. 5 autobus da prendere a Mantova tra profili, contrasti e storie da non perdere
  9. 5 storie di musica e musicisti legate a Mantova per ascoltare, sognare e scoprire
  10. 5 luoghi di Palazzo Ducale per ascendere al Paradiso
  11. 5 chiese mantovane dedicate a Maria tra santuari, coccodrilli e miracoli vari
  12. 5 modi di riscoprire Mantova al Louvre tra Mantegna, Giulio Romano e Caravaggio
  13. 5 nomi di vie o piazze legate al lavoro tra gioielli, pescivendoli e lattonai
  14. 5 luoghi a Mantova dove raccontare storie d’amore, non sempre a lieto fine
  15. 5 libri da leggere dopo essere stati a Mantova tra guide artistiche, rosse e definitive
  16. 5 immagini di San Longino tra cavalieri, basiliche e cappelle private
  17. 5 esempi di indigestione urbana tra chiese, palazzi e vicoli
  18. 5 libri da leggere prima di venire a Mantova tra mondo piccolo, matrimoni e segreti di stato
  19. 5 balconi da cui osservare Mantova tra grate, giardini e mercati
  20. 5 papi a Mantova tra Sangue di Cristo, crociate e san Luigi Gonzaga
  21. 5 stranezze da non perdere a Palazzo ducale tra nani, arazzi e giardini pensili
  22. 5 palazzi con panchine incorporate tra vescovi, alberghi e marchesi
  23. 5 storie d’amore a San Valentino tra Gonzaga, Shakespeare e Rigoletto
  24. 5 case mantovane tra mercanti, architetti e pittori per non parlar di santi ed eretici
  25. 5 domande da non fare ad una guida mantovana tra Gonzaga, reliquie e geografia
  26. 5 palazzi con i merli ciechi tra Luca Fancelli, podestà e massari
  27. 5 poeti passati per Mantova tra cavalieri, crociate e fiabe
  28. 5 musei particolari tra monete, armature e giardini segreti
  29. 5 cinema ancora attivi a Mantova tra multisale, cinema d’essai e gallerie scomparse
  30. 5 fumetti dove si cita Mantova tra Topolino, Shakespeare e la Pimpa
  31. 5 spettri da cercare in giro per la città tra esecuzioni, duelli e frecce avvelenate
  32. 5 cose da fare a Mantova in una notte nebbiosa tra fantasmi, pozzi e conventi scomparsi
  33. 5 campanili medievali tra conventi, condominii e lievi pendenze
  34. 5 particolari da non perdere nella Camera degli Sposi tra mele, scritte e un indice isolato
  35. 5 carceri storiche a Mantova tra Gonzaga, Austriaci e conventi
  36. 5 piccoli sagrati tra Spoon river, gesuiti e Napoleone
  37. 5 luoghi “naneschi” a Palazzo ducale tra scale sante, camera degli sposi e cavalieri
  38. 5 luoghi di spettacolo dove si faceva cinema e che non ci sono più
  39. 5 santi da festeggiare a Mantova tra porcellini, mantelli e martirii
  40. 5 reliquie della passione tra sangue, spugna e pietra dell’unzione
  41. 5 donne gonzaghesche da ricordare tra esecuzioni, testamenti mancati e matrimoni non riusciti
  42. 5 luoghi dove si fa cinema, musica o teatro nella capitale dello spettacolo
  43. 5 fontane mantovane da assaporare tra piazze, giardini e nasi
  44. 5 opere d’arte rubate da Napoleone tra Mantegna, Giulio Romano, Veronese e Rubens
  45. 5 porti della città vecchia tra ponti, catene e torri
  46. 5 luoghi del libro vissuto tra bancarelle, libracci e biblioteche
  47. 5 capitelli da osservare tra Gonzaga, Bonacolsi, Visconti e damnatio memoriae
  48. Altri 5 film mantovani tra Shakespeare, Verdi e nudi integrali
  49. 5 film girati a Mantova tra portaborse, condottieri e una storia personale
  50. 5 tappe per un pellegrinaggio alle Grazie tra domenicani, francescani e miracoli lacustri
  51. 5 luoghi napoleonici a Mantova tra santi, fortezze e appartamenti imperi
  52. nella notte di San Lorenzo 5 zodiaci mantovani da non perdere
  53. 5 altre biblioteche mantovane tra musica, enciclopedie e opere d’arte
  54. 5 luoghi incantati tra libri, lettere e documenti
  55. Altri 5 passaggi segreti urbani tra sacri vasi, lavandaie e Charles Dickens
  56. 5 Gonzaga da non dimenticare tra colpi di stato, cardinali e prove di virilità
  57. 5 animali gonzagheschi a Palazzo Te tra stemmi, imprese e camini
  58. 5 particolari lascivi da cercare a Palazzo Te tra selfie, cigni e lato B
  59. 5 ulteriori passaggi segreti urbani tra mura, ferrovie e giardini
  60. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  61. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  62. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  63. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  64. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  65. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  66. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  67. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  68. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  69. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  70. 5 escursioni fuori porta
  71. 5 laghi a Mantova
  72. 5 statue di Virgilio
  73. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  74. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  75. 5 piazze create dal caso
  76. 5 ponti sul Rio
  77. 5 cavalcavia da osservare
  78. 5 salite mozzafiato
  79. 5 scorciatoie da scoprire
  80. 5 piazze da incorniciare
  81. 5 posti del cuore
Annunci