Tag

, , ,

Il Palazzo ducale di Mantova è “una città nella città” secondo la celebre definizione che Baldassarre Castiglione attribuisce in realtà al palazzo di Federico da Montefeltro a Urbino. Eppure la reggia dei Gonzaga è proprio uno spazio a sé stante, costruito nei secoli collegando edifici un tempo isolati e realizzando l’attuale insieme labirintico di più di 35.000 metri quadrati. Una delle immagini che meglio offre questa idea del Palazzo ducale di Mantova è quella che si trova nella veduta a volo d’uccello della mappa realizzata alla metà del 1600 da Gabriele Bertazzolo. Lì si vedono anche le porte che chiudevano gli accessi alla corte che, pensate un po’, erano 5. Allora proviamo a riscoprire queste cinque porte del Palazzo ducale che si possono  ancora individuare passeggiando attorno al perimetro della reggia dei Gonzaga.

Voltone del Palazzo del Capitano – E’ l’ingresso più antico al complesso di Palazzo ducale e si apre al centro del Palazzo del Capitano, la parte più alta e merlata del complesso gonzaghesco che affaccia su piazza Sordello. Da qui si accedeva al cortile principale della reggia (attuale piazza Lega Lombarda ma per tutti i mantovani meglio nota come piazza Pallone) e tramite una scala in legno addossata al muro si saliva al primo piano entrando dalla Sala di Pisanello. Un modello in legno posto di fronte agli affreschi riscoperti negli anni ’70 del secolo scorso presenta un’ipotesi ricostruttiva della scala. Nell’arco del voltone sono dipinti cimieri con stemmi gonzagheschi risalenti al periodo quattrocentesco.

Vòlto di Piazza Castello – questo ingresso viene realizzato nella seconda metà del cinquecento per accogliere l’arrivo a Mantova di Filippo II di Spagna. L’avvenimento è rappresentato in uno dei cosiddetti “Fasti di Tintoretto”, gli 8 grandi teleri commissionati dal duca Guglielmo per l’appartamento grande di Castello e oggi conservati a Monaco di Baviera. Questo ingresso fa parte della risistemazione del cosiddetto prato di Castello, area destinata alle manovre militari e che viene circondata da un portico a serliane chiuso dall’emiciclo che introduce al Castello di San Giorgio. L’ingresso è decorato con architetture dipinte ed è stato intitolato a Gabriele D’Annunzio per ricordare una sua sosta mantovana.

Vòlto oscuro – E’ forse il più difficile da individuare ma il Vòlto oscuro racconta una delle storie più terribili del Palazzo ducale. Partiamo dalla sua ubicazione: lo trovate di fianco al fossato del Castello di San Giorgio, a sinistra (avendo alle spalle il ponte) ed è chiuso da un cancello. Il Vòlto oscuro conduce alla piazzetta di Santa Barbara passando sotto la Sala dei Marchesi e dei Capitani (Appartamento Grande di Castello), sotto il Salone di Mantova, infilandosi tra il corridoio del Bertani e la Basilica palatina collegati da piccolo cavalcavia di collegamento. Per chi invece guarda la chiesa di Santa Barbara lo individua proprio sulla sinistra della facciata nell’angolo verso piazza Castello. E veniamo ora alla storia terribile per il Palazzo ducale, i Gonzaga e per la città di Mantova: da qui entrarono i Lanzichenecchi per dare inizio al sacco della città nel 1630 e ancora oggi mette i brividi pensare a questa fiumana di soldati che infilandosi in questo stretto passaggio metteranno a ferro e fuoco Mantova uccidendola (qui potete scoprire come anche le città abbiano una data di morte).

Via Rubens – E’ difficile che i turisti si accorgano che questo era uno degli ingressi a Palazzo ducale. Oggi infatti sembra una semplice via con le auto parcheggiate. Forse solo il fatto che i due palazzi che la fiancheggiano sembrano avere una struttura coerente potrebbe aiutare il passante. Eppure proprio questo era uno degli accessi più importanti al Palazzo ducale visto che fiancheggiava la lista di case destinate ai canonici e ai religiosi al servizio della Basilica palatina di Santa Barbara e consentiva di arrivare proprio al centro della Reggia. Percorrere la via in direzione di piazza Paradiso offre una sensazione strana, con i giardini di Piazza Pallone che si aprono sulla sinistra e la discesa verso la chiesa del Duca Guglielmo, incorniciata dal retro della Domus Nova,  dalla loggia con torretta e dalle finestrelle che si aprono sul voltone e che pochi sanno appartenere all’appartamento dei Nani.

Via Teatro Vecchio – un’altra delle porte di Palazzo ducale che oggi è difficile vedere come tali. Si tratta infatti della via che prende il nome da uno dei tanti teatri della reggia gonzaghesca, smantellato dagli austriaci durante il primo assedio napoleonico a Mantova. Ne rimangono delle tracce all’interno della Galleria nazionale dei Vigili del Fuoco e nella locanda della Fragoletta, un’attrice in pensione amica del padre di Giacomo Casanova e dove alloggiò l’avventuriero veneziano e il commediografo Carlo Goldoni. Questo accesso che parte da piazza Arche nei pressi della torre di S.Alò presenta un’altra curiosità: ci trovate una delle salite “mozzafiato” di Mantova, protagoniste di un’altra cinquina che trovate qui.

Giacomo Cecchin

SUL TEMA DELLE 5 COSE POTETE ANCHE LEGGERE SU QUESTO BLOG:

  1. 5 gatti o particolari felini a Mantova tra egizi, quadri e palazzi
  2. 5 cani da osservare nella Camera degli Sposi
  3. 5 facciate da osservare a Mantova tra cani, diamanti e candelabri
  4. 5 autobus da prendere a Mantova tra profili, contrasti e storie da non perdere
  5. 5 storie di musica e musicisti legate a Mantova per ascoltare, sognare e scoprire
  6. 5 luoghi di Palazzo Ducale per ascendere al Paradiso
  7. 5 chiese mantovane dedicate a Maria tra santuari, coccodrilli e miracoli vari
  8. 5 modi di riscoprire Mantova al Louvre tra Mantegna, Giulio Romano e Caravaggio
  9. 5 nomi di vie o piazze legate al lavoro tra gioielli, pescivendoli e lattonai
  10. 5 luoghi a Mantova dove raccontare storie d’amore, non sempre a lieto fine
  11. 5 libri da leggere dopo essere stati a Mantova tra guide artistiche, rosse e definitive
  12. 5 immagini di San Longino tra cavalieri, basiliche e cappelle private
  13. 5 esempi di indigestione urbana tra chiese, palazzi e vicoli
  14. 5 libri da leggere prima di venire a Mantova tra mondo piccolo, matrimoni e segreti di stato
  15. 5 balconi da cui osservare Mantova tra grate, giardini e mercati
  16. 5 papi a Mantova tra Sangue di Cristo, crociate e san Luigi Gonzaga
  17. 5 stranezze da non perdere a Palazzo ducale tra nani, arazzi e giardini pensili
  18. 5 palazzi con panchine incorporate tra vescovi, alberghi e marchesi
  19. 5 storie d’amore a San Valentino tra Gonzaga, Shakespeare e Rigoletto
  20. 5 case mantovane tra mercanti, architetti e pittori per non parlar di santi ed eretici
  21. 5 domande da non fare ad una guida mantovana tra Gonzaga, reliquie e geografia
  22. 5 palazzi con i merli ciechi tra Luca Fancelli, podestà e massari
  23. 5 poeti passati per Mantova tra cavalieri, crociate e fiabe
  24. 5 musei particolari tra monete, armature e giardini segreti
  25. 5 cinema ancora attivi a Mantova tra multisale, cinema d’essai e gallerie scomparse
  26. 5 fumetti dove si cita Mantova tra Topolino, Shakespeare e la Pimpa
  27. 5 spettri da cercare in giro per la città tra esecuzioni, duelli e frecce avvelenate
  28. 5 cose da fare a Mantova in una notte nebbiosa tra fantasmi, pozzi e conventi scomparsi
  29. 5 campanili medievali tra conventi, condominii e lievi pendenze
  30. 5 particolari da non perdere nella Camera degli Sposi tra mele, scritte e un indice isolato
  31. 5 carceri storiche a Mantova tra Gonzaga, Austriaci e conventi
  32. 5 piccoli sagrati tra Spoon river, gesuiti e Napoleone
  33. 5 luoghi “naneschi” a Palazzo ducale tra scale sante, camera degli sposi e cavalieri
  34. 5 luoghi di spettacolo dove si faceva cinema e che non ci sono più
  35. 5 santi da festeggiare a Mantova tra porcellini, mantelli e martirii
  36. 5 reliquie della passione tra sangue, spugna e pietra dell’unzione
  37. 5 donne gonzaghesche da ricordare tra esecuzioni, testamenti mancati e matrimoni non riusciti
  38. 5 luoghi dove si fa cinema, musica o teatro nella capitale dello spettacolo
  39. 5 fontane mantovane da assaporare tra piazze, giardini e nasi
  40. 5 opere d’arte rubate da Napoleone tra Mantegna, Giulio Romano, Veronese e Rubens
  41. 5 porti della città vecchia tra ponti, catene e torri
  42. 5 luoghi del libro vissuto tra bancarelle, libracci e biblioteche
  43. 5 capitelli da osservare tra Gonzaga, Bonacolsi, Visconti e damnatio memoriae
  44. Altri 5 film mantovani tra Shakespeare, Verdi e nudi integrali
  45. 5 film girati a Mantova tra portaborse, condottieri e una storia personale
  46. 5 tappe per un pellegrinaggio alle Grazie tra domenicani, francescani e miracoli lacustri
  47. 5 luoghi napoleonici a Mantova tra santi, fortezze e appartamenti imperi
  48. nella notte di San Lorenzo 5 zodiaci mantovani da non perdere
  49. 5 altre biblioteche mantovane tra musica, enciclopedie e opere d’arte
  50. 5 luoghi incantati tra libri, lettere e documenti
  51. Altri 5 passaggi segreti urbani tra sacri vasi, lavandaie e Charles Dickens
  52. 5 Gonzaga da non dimenticare tra colpi di stato, cardinali e prove di virilità
  53. 5 animali gonzagheschi a Palazzo Te tra stemmi, imprese e camini
  54. 5 particolari lascivi da cercare a Palazzo Te tra selfie, cigni e lato B
  55. 5 ulteriori passaggi segreti urbani tra mura, ferrovie e giardini
  56. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  57. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  58. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  59. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  60. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  61. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  62. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  63. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  64. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  65. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  66. 5 escursioni fuori porta
  67. 5 laghi a Mantova
  68. 5 statue di Virgilio
  69. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  70. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  71. 5 piazze create dal caso
  72. 5 ponti sul Rio
  73. 5 cavalcavia da osservare
  74. 5 salite mozzafiato
  75. 5 scorciatoie da scoprire
  76. 5 piazze da incorniciare
  77. 5 posti del cuore
Annunci