A Mantova nella settimana santa il centro della devozione popolare sono i Sacri Vasi ma non dobbiamo dimenticare chi secondo la tradizione portò la reliquia a Mantova: San Longino, il soldato romano che ferì Cristo al costato e si convertì. Longino arriva a Mantova dove viene martirizzato probabilmente nei pressi del Gradaro (pensate anche ai nomi delle vie della zona tra cui troviamo via Cappadocia) e riesce a nascondere la reliquia che viene scoperta nell’804, nascosta e riscoperta nel 1048. Questo soldato romano che a Mantova è ricordato anche dal vicolo nei pressi di S.Andrea è sepolto nella cappella Boschetti all’interno della basilica (la terza sulla destra). Un santo importante tanto da essere rappresentato in San Pietro a Roma in una delle quattro statue poste alla base dei pilastri che reggono la cupola di Michelangelo. A Mantova ci sono molte immagini di Longino ma eccone almeno 5 da riscoprire in questi giorni pasquali tra cavalieri, basiliche e cappelle private.

Cappella Boschetti in S.Andrea – la terza cappella grande sulla destra in S.Andrea è la cappella Boschetti e oltre a conservare il corpo di Longino presenta due immagini del soldato romano. La prima è nell’affresco sulla destra dove è rappresentata la crocifissione. Longino in divisa è inginocchiato all’estrema sinistra in basso con una coppa in mano dove raccoglie il sangue del Cristo insieme agli angeli che portano altrettanti calici. Ma il soldato romano è rappresentato anche all’interno della pala d’altare (una copia dell’originale di Giulio Romano oggi al Louvre). Qui Longino è in piedi a sinistra con la lancia e uno dei sacri vasi mentre osserva fuori dal quadro la seconda inventio della reliquia, momento rappresentato nell’affresco di sinistra della cappella (ultima notazione: la tomba di Longino è quella sulla sinistra, mentre l’altra appartiene a San Gregorio Nazianzeno).

Cappella del Redentore in S.Andrea – Longino è rappresentato anche in un’altra cappella sempre all’interno della Basilica di S.Andrea. E’ la cappella dei cavalieri dell’ordine del Redentore (la seconda grande sulla sinistra) perché da qui si ha accesso alla sagrestia dell’ordine cavalleresco fondato dal duca Vincenzo I Gonzaga. La statua di Longino la si scorge in alto a sinistra sempre con l’attributo della lancia (mentre a destra è rappresentato S.Andrea il titolare della Basilica). La splendida ancona lignea, opera di Giovan Battista Viani è completata da due tele dell’Andreasino con l’Annunciazione.

Basilica di Santa Barbara – anche nella Basilica palatina di Santa Barbara si ricorda Longino con una statua. La si trova all’interno della navata in una delle nicchie. Il santo ha il classico attributo della lancia e la statua ricorda anche se con dimensioni minori e qualità assolutamente non paragonabili quella della Basilica di San Pietro a Roma. Longino trova posto all’interno della Basilica palatina dove era conservata anche una parte della reliquia del santissimo sangue, in una cappellina, vero e proprio sancta sanctorum, che si trova di fianco al presbiterio sopraelevato sulla destra guardando il fondo della chiesa.

Cappella dell’appartamento di Vincenzo Gonzaga in Palazzo Ducale – all’interno dell’appartamento di Vincenzo Gonzaga in Palazzo ducale si trova una piccola cappellina decorata da una pala d’altare attribuita Teodoro Ghisi. L’attuale collocazione non è quella originale della pala che secondo alcuni autori dovrebbe provenire dalla cappella detta del Bertani all’interno del Castello di San Giorgio. Ma quello che qui ci interessa è la figura di Longino (che presenta analogie con quella dipinta da Giulio Romano nella cappella Boschetti) che tiene la lancia e regge con l’altra mano uno dei sacri vasi. L’immagine della tela è completata dal crocifisso e da una Santa Maddalena.

Calco della Madonna della Vittoria nel Museo di San Sebastiano – purtroppo il titolo di questa voce avrebbe dovuto essere Madonna della Vittoria di Mantegna nell’omonima chiesa. E invece Napoleone portò il dipinto al Louvre e a noi non rimane che una tempera su carta da lucido della pala conservata all’interno del Museo di San Sebastiano. Questa copia dalla Madonna della Vittoria è realizzata nel 1797 quando ancora l’opera era a Mantova, probabilmente da Antonio Ruggeri. Tra i santi rappresentati ai lati del trono della vergine troviamo ai due estremi partendo da sinistra San Michele Arcangelo e S.Giorgio, mentre in secondo piano appaiono S.Andrea e sulla destra il nostro San Longino con una lunga lancia rossa simbolo della passione e ricordo di quella con cui ferì Cristo al costato.

Giacomo Cecchin

SUL TEMA DELLE 5 COSE POTETE ANCHE LEGGERE SU QUESTO BLOG:

  1. 5 esempi di indigestione urbana tra chiese, palazzi e vicoli
  2. 5 libri da leggere prima di venire a Mantova tra mondo piccolo, matrimoni e segreti di stato
  3. 5 balconi da cui osservare Mantova tra grate, giardini e mercati
  4. 5 papi a Mantova tra Sangue di Cristo, crociate e san Luigi Gonzaga
  5. 5 stranezze da non perdere a Palazzo ducale tra nani, arazzi e giardini pensili
  6. 5 palazzi con panchine incorporate tra vescovi, alberghi e marchesi
  7. 5 storie d’amore a San Valentino tra Gonzaga, Shakespeare e Rigoletto
  8. 5 case mantovane tra mercanti, architetti e pittori per non parlar di santi ed eretici
  9. 5 domande da non fare ad una guida mantovana tra Gonzaga, reliquie e geografia
  10. 5 palazzi con i merli ciechi tra Luca Fancelli, podestà e massari
  11. 5 poeti passati per Mantova tra cavalieri, crociate e fiabe
  12. 5 musei particolari tra monete, armature e giardini segreti
  13. 5 cinema ancora attivi a Mantova tra multisale, cinema d’essai e gallerie scomparse
  14. 5 fumetti dove si cita Mantova tra Topolino, Shakespeare e la Pimpa
  15. 5 spettri da cercare in giro per la città tra esecuzioni, duelli e frecce avvelenate
  16. 5 cose da fare a Mantova in una notte nebbiosa tra fantasmi, pozzi e conventi scomparsi
  17. 5 campanili medievali tra conventi, condominii e lievi pendenze
  18. 5 particolari da non perdere nella Camera degli Sposi tra mele, scritte e un indice isolato
  19. 5 carceri storiche a Mantova tra Gonzaga, Austriaci e conventi
  20. 5 piccoli sagrati tra Spoon river, gesuiti e Napoleone
  21. 5 luoghi “naneschi” a Palazzo ducale tra scale sante, camera degli sposi e cavalieri
  22. 5 luoghi di spettacolo dove si faceva cinema e che non ci sono più
  23. 5 santi da festeggiare a Mantova tra porcellini, mantelli e martirii
  24. 5 reliquie della passione tra sangue, spugna e pietra dell’unzione
  25. 5 donne gonzaghesche da ricordare tra esecuzioni, testamenti mancati e matrimoni non riusciti
  26. 5 luoghi dove si fa cinema, musica o teatro nella capitale dello spettacolo
  27. 5 fontane mantovane da assaporare tra piazze, giardini e nasi
  28. 5 opere d’arte rubate da Napoleone tra Mantegna, Giulio Romano, Veronese e Rubens
  29. 5 porti della città vecchia tra ponti, catene e torri
  30. 5 luoghi del libro vissuto tra bancarelle, libracci e biblioteche
  31. 5 capitelli da osservare tra Gonzaga, Bonacolsi, Visconti e damnatio memoriae
  32. Altri 5 film mantovani tra Shakespeare, Verdi e nudi integrali
  33. 5 film girati a Mantova tra portaborse, condottieri e una storia personale
  34. 5 tappe per un pellegrinaggio alle Grazie tra domenicani, francescani e miracoli lacustri
  35. 5 luoghi napoleonici a Mantova tra santi, fortezze e appartamenti imperi
  36. nella notte di San Lorenzo 5 zodiaci mantovani da non perdere
  37. 5 altre biblioteche mantovane tra musica, enciclopedie e opere d’arte
  38. 5 luoghi incantati tra libri, lettere e documenti
  39. Altri 5 passaggi segreti urbani tra sacri vasi, lavandaie e Charles Dickens
  40. 5 Gonzaga da non dimenticare tra colpi di stato, cardinali e prove di virilità
  41. 5 animali gonzagheschi a Palazzo Te tra stemmi, imprese e camini
  42. 5 particolari lascivi da cercare a Palazzo Te tra selfie, cigni e lato B
  43. 5 ulteriori passaggi segreti urbani tra mura, ferrovie e giardini
  44. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  45. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  46. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  47. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  48. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  49. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  50. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  51. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  52. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  53. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  54. 5 escursioni fuori porta
  55. 5 laghi a Mantova
  56. 5 statue di Virgilio
  57. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  58. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  59. 5 piazze create dal caso
  60. 5 ponti sul Rio
  61. 5 cavalcavia da osservare
  62. 5 salite mozzafiato
  63. 5 scorciatoie da scoprire
  64. 5 piazze da incorniciare
  65. 5 posti del cuore

Salva

Annunci