Leone IIII Gonzaga non hanno mai avuto un papa in famiglia eppure la città di Mantova ne ha visti passare alcuni. I motivi sono i più diversi ma soprattutto molte sono le tracce sparse per la città del loro passaggio. Senza dimenticare che le fonti mantovane citano anche il passaggio di Leone iX e a Mantova fu sepolto un papa, quel Celestino I il cui corpo andò bruciato durante l’incendio del duomo nel 1545. Ne rimane il ricordo in una delle statue che coronano la facciata settecentesca della cattedrale. Allora ecco almeno 5 papi passati da Mantova tra il Sangue di Cristo, crociate e san Luigi Gonzaga.Leone III (eletto papa nel 795 – morto nel 816) – è il papa che incoronò imperatore Carlo Magno durante la notte di Natale dell’anno 800. E’ 4 anni dopo che viene a Mantova per verificare la scoperta del Sangue di Cristo, avvenimento citato nei diari della corte carolingia. Leone III certificò l’autenticità della reliquia e ne portò un frammento a Carlo Magno, frammento che finì poi per essere conservato alla Sainte Chapelle dopo la sua costruzione da parte del re Luigi il Santo. Occorre ricordare che anche un altro papa Leone (Leone Magno) passò dalle nostre parti e fermò Attila a Governolo ma non si sa se sia passato in città.

Alessandro II (eletto papa nel 1061 – morto nel 1073) – il nome di papa Alessandro II era Anselmo da Baggio e fu vescovo di Lucca. Due attributi che furono propri anche del nipote Anselmo che per tutti i mantovani è S.Anselmo il patrono della nostra città e consigliere politico di Matilde di Canossa. Alla morte di Alessandro II salì sul soglio pontificio Gregorio VII: siamo in piena lotta per le investiture. Papa Alessandro II partecipò a Mantova ad un concilio (1064) che si schierò a suo favore nella disputa con l’antipapa Onorio II (al secolo Cadalo vescovo di Parma). Di questo Concilio rimane traccia nel transetto del duomo di Mantova dove un affresco ricorda l’avvenimento.

Martino V (eletto papa nel 1417 – morto nel 1431) – Martino V viene eletto dopo il concilio di Costanza convocato per mettere fine ad una situazione che vedeva ben tre papi eletti: Giovanni XXIII e gli antipapi Gregorio XII e Benedetto XIII. Durante il concilio i tre papi furono deposti e si elesse papa Martino V (in questo contesto fu anche condannato e bruciato come eretico Jan Hus). Al rientro da Costanza Martino V passò anche per Mantova dove sostò per alcuni mesi. Una curiosità: il XXIII di fianco al nome di papa Giovanni non è un refuso: Baldassare Cossa (il nome di Giovanni XXIII) fu condannato durante un processo con 74 capi di imputazione e pertanto la chiesa decise (come da fanno a volte nello sport ritirando la maglia) di tornare alla numerazione di Giovanni XXII. Sarà Angelo Roncalli nel novecento a scegliere dopo ben 5 secoli di tornare a chiamarsi Giovanni.

Pio II (eletto papa nel 1458 – morto nel 1464) – Enea Silvio Piccolomini sarebbe stato un personaggio da ricordare anche se non fosse diventato papa per i suoi commentari, una raccolta di notizie sugli avvenimenti e i personaggi della sua epoca. Quando diventò papa con il nome di Pio II decise di indire una dieta per lanciare una crociata contro i turchi che avevano da poco (1453) conquistato Costantinopoli. Per questo fu a Mantova tra il 1459 e il 1460 e un altro affresco in duomo ricorda questo avvenimento fondamentale per la città. Mantova infatti divenne per alcuni mesi il centro della cristianità, i Gonzaga riuscirono a ottenere la nomina a cardinale del secondogenito Francesco (il primo della famiglia) e Leon Battista Alberti, segretario del papa, lasciò in città segno del suo passaggio con le chiese di San Sebastiano e  S.Andrea. Celebre il suo epigramma dopo l’elezione “Quand’ero Enea, nessun mi conoscea. Or che son Pio, tutti mi chiaman zio”.

Giovanni Paolo II – (eletto papa nel 1978 – morto nel 2005) fu il primo papa straniero ad essere eletto dopo Adriano VI (1522-1523). Dovevano passare quattro secoli prima che un papa tornasse a Mantova e questo accadde nel giugno del 1991 quando proprio il 23 il papa celebrò messa in piazza Sordello. La motivazione fu la celebrazione dei 400 anni dalla morte di San Luigi Gonzaga avvenuta a Roma nel 1591. Per la città fu una festa incredibile (il papa andò anche a Castiglione delle Stiviere e al Santuario delle Grazie) anche se la visita durò solo un fine settimana (e non alcuni mesi come negli altri casi). Uno dei momenti più sentiti fu il saluto dal balcone della torre dell’orologio in piazza Erbe. In città ne rimangono ricordi con lapidi nelle chiese visitate dal pontefice e una statua di fronte al santuario delle Grazie.

Giacomo Cecchin

Sul tema delle 5 cose potete anche leggere su questo blog:

  1. 5 stranezze da non perdere a Palazzo ducale tra nani, arazzi e giardini pensili
  2. 5 palazzi con panchine incorporate tra vescovi, alberghi e marchesi
  3. 5 storie d’amore a San Valentino tra Gonzaga, Shakespeare e Rigoletto
  4. 5 case mantovane tra mercanti, architetti e pittori per non parlar di santi ed eretici
  5. 5 domande da non fare ad una guida mantovana tra Gonzaga, reliquie e geografia
  6. 5 palazzi con i merli ciechi tra Luca Fancelli, podestà e massari
  7. 5 poeti passati per Mantova tra cavalieri, crociate e fiabe
  8. 5 musei particolari tra monete, armature e giardini segreti
  9. 5 cinema ancora attivi a Mantova tra multisale, cinema d’essai e gallerie scomparse
  10. 5 fumetti dove si cita Mantova tra Topolino, Shakespeare e la Pimpa
  11. 5 spettri da cercare in giro per la città tra esecuzioni, duelli e frecce avvelenate
  12. 5 cose da fare a Mantova in una notte nebbiosa tra fantasmi, pozzi e conventi scomparsi
  13. 5 campanili medievali tra conventi, condominii e lievi pendenze
  14. 5 particolari da non perdere nella Camera degli Sposi tra mele, scritte e un indice isolato
  15. 5 carceri storiche a Mantova tra Gonzaga, Austriaci e conventi
  16. 5 piccoli sagrati tra Spoon river, gesuiti e Napoleone
  17. 5 luoghi “naneschi” a Palazzo ducale tra scale sante, camera degli sposi e cavalieri
  18. 5 luoghi di spettacolo dove si faceva cinema e che non ci sono più
  19. 5 santi da festeggiare a Mantova tra porcellini, mantelli e martirii
  20. 5 reliquie della passione tra sangue, spugna e pietra dell’unzione
  21. 5 donne gonzaghesche da ricordare tra esecuzioni, testamenti mancati e matrimoni non riusciti
  22. 5 luoghi dove si fa cinema, musica o teatro nella capitale dello spettacolo
  23. 5 fontane mantovane da assaporare tra piazze, giardini e nasi
  24. 5 opere d’arte rubate da Napoleone tra Mantegna, Giulio Romano, Veronese e Rubens
  25. 5 porti della città vecchia tra ponti, catene e torri
  26. 5 luoghi del libro vissuto tra bancarelle, libracci e biblioteche
  27. 5 capitelli da osservare tra Gonzaga, Bonacolsi, Visconti e damnatio memoriae
  28. Altri 5 film mantovani tra Shakespeare, Verdi e nudi integrali
  29. 5 film girati a Mantova tra portaborse, condottieri e una storia personale
  30. 5 tappe per un pellegrinaggio alle Grazie tra domenicani, francescani e miracoli lacustri
  31. 5 luoghi napoleonici a Mantova tra santi, fortezze e appartamenti imperi
  32. nella notte di San Lorenzo 5 zodiaci mantovani da non perdere
  33. 5 altre biblioteche mantovane tra musica, enciclopedie e opere d’arte
  34. 5 luoghi incantati tra libri, lettere e documenti
  35. Altri 5 passaggi segreti urbani tra sacri vasi, lavandaie e Charles Dickens
  36. 5 Gonzaga da non dimenticare tra colpi di stato, cardinali e prove di virilità
  37. 5 animali gonzagheschi a Palazzo Te tra stemmi, imprese e camini
  38. 5 particolari lascivi da cercare a Palazzo Te tra selfie, cigni e lato B
  39. 5 ulteriori passaggi segreti urbani tra mura, ferrovie e giardini
  40. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  41. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  42. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  43. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  44. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  45. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  46. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  47. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  48. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  49. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  50. 5 escursioni fuori porta
  51. 5 laghi a Mantova
  52. 5 statue di Virgilio
  53. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  54. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  55. 5 piazze create dal caso
  56. 5 ponti sul Rio
  57. 5 cavalcavia da osservare
  58. 5 salite mozzafiato
  59. 5 scorciatoie da scoprire
  60. 5 piazze da incorniciare
  61. 5 posti del cuore

Salva

Annunci