santacaritamantovaIl sagrato è “uno spazio antistante alla chiesa compreso nella zona consacrata” come dice il dizionario. In realtà a Mantova anche piazza Sordello va considerata sagrato del duomo (non per niente si chiamava piazza grande di San Pietro) e piazza Mantegna di S.Andrea ma a noi interessano di più quei piccoli slarghi che non sono piazze autonome ma rimangono strettamente legati alla chiesa che li sovrasta. Eccone 5 da scoprire e riscoprire tra le vie della città: qual è il vostro preferito?

Santa Carità – la chiesa risale al medioevo, come testimonia il campanile, ma l’edificio attuale è del 1613 e fu decorato nel settecento da un ciclo di opere di Giuseppe Bazzani. La caratterizza un piccolo sagrato, sopraelevato rispetto al piano di via Corridoni e chiuso da una cancellata. Oltre all’orientamento della chiesa parallelamente alla via, la sua particolarità è data dal fatto che è costellato di lapidi che lo trasformano in una piccola “Spoon river” mantovana che meriterebbe di essere maggiormente conosciuta.

Sant’Apollonia – per chi passa da via Benzoni in direzione di via Salnitro la chiesa di Sant’Apollonia appare alla sua sinistra protagonista di un piccolo sagrato che regala un po’ di spazio alla facciata del 1781. Il titolo della chiesa in precedenza era S.Maria di Betlem poi diventato l’attuale che per i mantovani si trasforma in un’esclamazione tutta unita “Santapulonia”. Di fianco alla chiesa c’è il cinema Mignon, forse la prima sala d’essais della città.

Santo Spirito – la chiesa fu da sempre conventuale e lo ricordano alcuni degli affreschi rimasti che ricordano santi francescani. Il sagrato incorniciato tra due muretti consente di osservare meglio la facciata e presenta alcune lapidi che ricordano Vittorino da Feltre. Fu proprio in questa chiesa (rinnovata con un convento grazie a Paola Malatesta, la moglie del marchese che chiamò a Mantova Vittorino) che infatti fu sepolto l’umanista veneto nel 1468.

Santa Trinità – forse il più piccolo tra i sagrati mantovani, ricavato nello spazio dovuto all’arretramento rispetto a via Ardigò della facciata della chiesa dei Gesuiti. La scelta di questa sede per l’edificazione della loro chiesa non fu casuale: infatti i padri gesuiti individuarono il punto più vicino al Palazzo ducale e al quartiere ebraico. Da un lato i padri potevano tessere relazioni con il potere, dall’altro convertire i giudei facendo quasi un porta a porta. Oggi sede dell’archivio di stato vi studiò anche San Luigi Gonzaga.

San Maurizio – Su questo piccolo spazio delimitato da colonnine e catene si apre la facciata molto mossa della chiesa di San Maurizio. Almeno tre curiosità vanno ricordate: la prima è che si può ancora vedere la scritta San Napoleone, quando la chiesa fu ridedicata al santo omonimo dell’imperatore durante l’occupazione napoleonica. La seconda che all’interno ci sono molte opere del seicento tra cui una santa Margherita di Ludovico Carracci. La terza che vi si trova anche la lapide sepolcrale di Giovanni dalle Bande nere, precedentemente nella demolita chiesa di San Domenico.

Giacomo Cecchin

#Mantova2016

Sul tema delle 5 cose potete anche leggere su questo blog:

  1. 5 luoghi “naneschi” a Palazzo ducale tra scale sante, camera degli sposi e cavalieri
  2. 5 luoghi di spettacolo dove si faceva cinema e che non ci sono più
  3. 5 santi da festeggiare a Mantova tra porcellini, mantelli e martirii
  4. 5 reliquie della passione tra sangue, spugna e pietra dell’unzione
  5. 5 donne gonzaghesche da ricordare tra esecuzioni, testamenti mancati e matrimoni non riusciti
  6. 5 luoghi dove si fa cinema, musica o teatro nella capitale dello spettacolo
  7. 5 fontane mantovane da assaporare tra piazze, giardini e nasi
  8. 5 opere d’arte rubate da Napoleone tra Mantegna, Giulio Romano, Veronese e Rubens
  9. 5 porti della città vecchia tra ponti, catene e torri
  10. 5 luoghi del libro vissuto tra bancarelle, libracci e biblioteche
  11. 5 capitelli da osservare tra Gonzaga, Bonacolsi, Visconti e damnatio memoriae
  12. Altri 5 film mantovani tra Shakespeare, Verdi e nudi integrali
  13. 5 film girati a Mantova tra portaborse, condottieri e una storia personale
  14. 5 tappe per un pellegrinaggio alle Grazie tra domenicani, francescani e miracoli lacustri
  15. 5 luoghi napoleonici a Mantova tra santi, fortezze e appartamenti imperi
  16. nella notte di San Lorenzo 5 zodiaci mantovani da non perdere
  17. 5 altre biblioteche mantovane tra musica, enciclopedie e opere d’arte
  18. 5 luoghi incantati tra libri, lettere e documenti
  19. Altri 5 passaggi segreti urbani tra sacri vasi, lavandaie e Charles Dickens
  20. 5 Gonzaga da non dimenticare tra colpi di stato, cardinali e prove di virilità
  21. 5 animali gonzagheschi a Palazzo Te tra stemmi, imprese e camini
  22. 5 particolari lascivi da cercare a Palazzo Te tra selfie, cigni e lato B
  23. 5 ulteriori passaggi segreti urbani tra mura, ferrovie e giardini
  24. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  25. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  26. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  27. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  28. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  29. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  30. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  31. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  32. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  33. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  34. 5 escursioni fuori porta
  35. 5 laghi a Mantova
  36. 5 statue di Virgilio
  37. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  38. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  39. 5 piazze create dal caso
  40. 5 ponti sul Rio
  41. 5 cavalcavia da osservare
  42. 5 salite mozzafiato
  43. 5 scorciatoie da scoprire
  44. 5 piazze da incorniciare
  45. 5 posti del cuore

 

Annunci