3062_2s010_3062_1Mantova città d’acqua: una volta lo era senza tema di smentite. Oggi invece il rapporto con i laghi deve essere ricostruito e anche il Rio avrebbe bisogno di qualcosa di più per essere restituito alla città. Ma Mantova era una città con molti porti e uno in particolare, Porto Catena, è stato il porto interno più importante d’Italia almeno fino agli anni sessanta. Perché allora non ripercorrere la storia dei porti mantovani? Eccone almeno 5 da non dimenticare…

Porto del Portazzolo – si trovava a monte dell’imboccatura del Rio, ben visibile nella mappa di Gabriele Bertazzolo. Il ricordo della sua esistenza ritorna nel nome di Via Portazzolo che si infila tra Piazza d’Arco e piazza San Giovanni dove c’era il monastero benedettino detto delle carrette. Chissà se fu qui che sbarcò San Bernardino da Siena quando, dimenticato dai compagni al Santuario delle Grazie, arrivò in città navigando sul suo mantello?

Porto dello Zeppetto – in realtà i porti erano due il cosiddetto Zeppetto di sopra e quello di sotto. Si trattava di due porti posti a monte e a valle dell’imbocco del ponte dei Mulini, il ponte diga voluto da Alberto Pitentino e che provocò l’innalzamento di livello e l’allargamento del lago Superiore. Dall’altra parte rimane ancora il porto della Cittadella con una darsena che era a servizio della fortezza e rimane nel nome del paese di Porto Mantovano.

Porto dell’Ancona – è uno dei due ponti cittadini ricavati in insenature naturali. Il porto dell’Ancona o di S.Agnese sfruttava una depressione naturale riempita dall’acqua del lago di Mezzo. L’area fu interrata dai francesi nel 1797 che ne ricavarono la piazza oggi chiamata Virgiliana (e che nel 1787 era detta dell’Argine per la vicinanza all’argine che la separava dal lago). Il porto si vede benissimo nella mappa del Bertazzolo che evidenzia anche il varco tra le mura di cinta che ne consentiva l’accesso.

Porto della Torre nuova – era nei pressi della Torre nuova chiamata anche torre di S.Alò (S.Eligio in dialetto mantovano). La sua posizione era all’altezza dell’attuale piazza Arche e serviva l’area di Palazzo ducale. Oggi nulla rimane se non la torre che faceva parte della cinta muraria della città. Anche questo punto di approdo è molto evidente nella mappa di Gabriele Bertazzolo.

Porto Catena –  è l’unico porto ancora in uso anche se oggi serve solo la navigazione da diporto e non quella commerciale. Il porto è stato ricavato in una insenatura naturale che si trovava alla foce del Rio e prende il nome da una catena amovibile che chiudeva l’accesso al porto sia in ingresso sia in uscita. In ingresso la catena impediva di assaltare l’arsenale costruito da Vincenzo Gonzaga nei pressi del porto. In uscita per evitare che qualcuno potesse evadere il dazio. Il porto era molto più grande in origine ma fu ridotto in relazione alla riduzione della movimentazione delle merci e anche per il continuo ingresso di detriti dal Rio con necessaria escavazione del sito.

Giacomo Cecchin

#Mantova2016

Sul tema delle 5 cose potete anche leggere su questo blog:

  1. 5 luoghi del libro vissuto tra bancarelle, libracci e biblioteche
  2. 5 capitelli da osservare tra Gonzaga, Bonacolsi, Visconti e damnatio memoriae
  3. Altri 5 film mantovani tra Shakespeare, Verdi e nudi integrali
  4. 5 film girati a Mantova tra portaborse, condottieri e una storia personale
  5. 5 tappe per un pellegrinaggio alle Grazie tra domenicani, francescani e miracoli lacustri
  6. 5 luoghi napoleonici a Mantova tra santi, fortezze e appartamenti imperi
  7. nella notte di San Lorenzo 5 zodiaci mantovani da non perdere
  8. 5 altre biblioteche mantovane tra musica, enciclopedie e opere d’arte
  9. 5 luoghi incantati tra libri, lettere e documenti
  10. Altri 5 passaggi segreti urbani tra sacri vasi, lavandaie e Charles Dickens
  11. 5 Gonzaga da non dimenticare tra colpi di stato, cardinali e prove di virilità
  12. 5 animali gonzagheschi a Palazzo Te tra stemmi, imprese e camini
  13. 5 particolari lascivi da cercare a Palazzo Te tra selfie, cigni e lato B
  14. 5 ulteriori passaggi segreti urbani tra mura, ferrovie e giardini
  15. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  16. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  17. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  18. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  19. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  20. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  21. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  22. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  23. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  24. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  25. 5 escursioni fuori porta
  26. 5 laghi a Mantova
  27. 5 statue di Virgilio
  28. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  29. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  30. 5 piazze create dal caso
  31. 5 ponti sul Rio
  32. 5 cavalcavia da osservare
  33. 5 salite mozzafiato
  34. 5 scorciatoie da scoprire
  35. 5 piazze da incorniciare
  36. 5 posti del cuore

 

Annunci