vòlto oscuroAbbiamo già affrontato il discorso delle scorciatoie o passaggi segreti urbani (qui potete trovare le 5 già pubblicate). Sono modi di passare da una via all’altra o da una piazza a un giardino sfruttando aperture non così evidenti e poco note ai più. Ricavate nelle antiche mura della città o risultato dell’apertura di giardini anticamente privati i passaggi segreti offrono sguardi inediti ad abitanti e turisti. Eccovene altre 5+1 (attualmente chiuso), ce ne sono delle altre?

Da Corso Pradella a Via Chiassi  – Chi volesse andare da Corso Pradella (Vittorio Emanuele il nome ufficiale) a Via Chiassi potrebbe entrare nel portone del palazzo al numero 52. E’ un ingresso privato ma dopo aver oltrepassato un cancello e un piccolo cortile ci si troverebbe ad entrare in un giardino con alberi ad alto fusto circondato da muri. Attraversato lo spazio verde e varcato un altro cancello si sbuca in via Viani e passeggiando lungo il fianco della chiesa di San Maurizio si arriva in via Chiassi all’altezza dell’antico collegio degli Speziali.

Da piazza Virgiliana al lungolago –  In fondo a piazza Virgiliana, dove il terreno si alza leggermente e arriva al livello della cima del muro che chiude lo spazio verde si apre un piccolo varco. E’ un passaggio usato soprattutto dai ciclisti o dai mantovani che al mattino per correre e passeggiare sul lungolago trovano più comodo usare questo passaggio che li porta direttamente sul lago senza indugiare. A fianco di questo passaggio si trova la lapide che cita i versi di Dante nella Divina Commedia che parlano delle origini di Mantova.

Da Piazza San Leonardo al Lungolago – è un altro dei passaggi ricavati nelle antiche mura della città. Da piazza San Leonardo si prende vicolo Ospitale, col tradizionale fondo acciottolato. Fiancheggiando il palazzo detto del Mago si scendono alcuni scalini e si attraversa il varco nelle mura che conduce sul lungolago. In questa zona, uno dei quartieri più antichi della città si tiene un frequentato mercatino dell’usato,

Da Palazzo Te a Via Visi – chi volesse arrivare da Palazzo Te in via Visi senza utilizzare il sottopasso di via Bellonci può sfruttare il varco che si apre sotto la massicciata ferroviaria. Per trovarlo basta guardare l’ingresso di Palazzo Te verso via Primaticcio e prendere a destra fino ad arrivare all’angolo del muro che delimita la villa giuliesca. Qui si entra nello spazio tra la ferrovia e il Palazzo e dopo qualche decina di metri sulla destra si apre un sottopasso che attraversando la massicciata conduce ai giardini di via Visi. Strano che ancora oggi un treno lambisca Palazzo Te ma sognare una ciclabile in sostituzione dei binari non è reato.

Da via Verdi a Piazza Leon Battista Alberti – in via Verdi all’altezza del numero 43 si apre quello che sembra l’ingresso di un palazzo se non fosse per una serie di insegne commerciali che ne chiariscono la natura di vicolo. E’ l’inizio di vicolo della Mainolda dove si trovava uno dei carceri della città durante il periodo austriaco che conduce a piazza Leon Battista Alberti, sul retro della Basilica di S.Andrea. Qui tra l’altro si trova l’ingresso di un altro passaggio segreto urbano che conduce a piazza Mantegna (vedi 5 scorciatoie da scoprire).

Da Piazza S.Barbara al lungolago – vi regaliamo anche questo passaggio segreto che si trova al centro di Palazzo ducale ma che al momento è chiuso al transito. Quando arrivate in piazza S.Barbara da piazza Castello basta guardare subito a sinistra dove un grande cancello chiude l’accesso al passaggio che separa la Basilica palatina dal corridoio che collega la corte al Castello di San Giorgio. Questo è il famoso vòlto oscuro che i lanzichenecchi percorsero nel 1630 quando diedero il via al sacco della città. Se fosse possibile percorrere questa via si passerebbe sotto il cavalcavia che collega la basilica di Santa Barbara al palazzo per arrivare poi sotto la sala di Manto, fiancheggiare il fossato del castello e sbucare di fianco alla loggia del Tasso.

Giacomo Cecchin

#Mantova2016

Sul tema delle 5 cose potete anche leggere su questo blog:

  1. 5 coccodrilli tra santuari, Gonzaga e musei naturalistici
  2. 5 labirinti in cui perdersi tra Gonzaga, canneti e siepi
  3. 5 statue erranti tra santi, poeti, eroi e martiri di Belfiore
  4. 5 madonne miracolose tra maggio, terremoti e assedi
  5. 5 momenti storici in cui sarebbe stato meglio non essere a Mantova
  6. 5 soste per fare una pausa nel corso della giornata
  7. 5 luoghi visitati da Shakespeare a Mantova durante il viaggio in Italia
  8. 5 luoghi frequentati da Romeo nel suo esilio mantovano
  9. 5 torri tra sale, zucchero e gabbie
  10. 5 momenti storici dove sarebbe stato bello essere a Mantova
  11. 5 escursioni fuori porta
  12. 5 laghi a Mantova
  13. 5 statue di Virgilio
  14. 5 modi per arrivare alla riva del Rio
  15. 5 cappelle o chiese in Palazzo ducale
  16. 5 piazze create dal caso
  17. 5 ponti sul Rio
  18. 5 cavalcavia da osservare
  19. 5 salite mozzafiato
  20. 5 scorciatoie da scoprire
  21. 5 piazze da incorniciare
  22. 5 posti del cuore

 

Salva

Annunci